Bando per la concessione di incentivi finalizzati all'attrazione di nuovi insediamenti da parte di imprese manifatturiere e del terziario avanzato esterne alla regione

Regione Friuli Venezia Giulia
Friuli Venezia Giulia

Quanto finanzia

Richiesta minima
Richiesta massima

Descrizione del Bando

Gli incentivi sono rivolti a imprese manifatturiere e del terziario avanzato esterne al territorio della Regione Friuli Venezia Giulia per la realizzazione di nuovi investimenti:
a) negli agglomerati industriali di competenza dei Consorzi di sviluppo economico locale o ricadenti nelle aree dei distretti industriali, nonché nel territorio del Comune di Cividale del Friuli;
b) nelle aree destinate a insediamenti industriali e artigianali, ovvero insediamenti industriali e artigianali misti con insediamenti commerciali, localizzate nei Comuni ricompresi nelle zone omogenee B e C di svantaggio socio-economico dei territori montani individuate dalla Giunta regionale ai sensi degli articoli 21 e 40 della legge regionale 20 dicembre 2002, n. 33 (Istituzione dei Comprensori montani del Friuli Venezia Giulia), rispetto alle quali i Comuni hanno stipulato l'intesa prevista dall'articolo 62, comma 1 bis, della legge regionale 3/2015;
c) nelle aree definite dall’articolo 82 della legge regionale 22 febbraio 2021, n. 3, (Disposizioni per la modernizzazione, la crescita e lo sviluppo sostenibile verso una nuova economia del Friuli Venezia Giulia (SviluppoImpresa)), comprendenti i complessi produttivi degradati;
d) nelle aree destinate a insediamenti industriali e artigianali localizzate nei Comuni sul cui territorio insistono agglomerati industriali di competenza dei Consorzi, rispetto alle quali i Comuni hanno stipulato l’intesa prevista dall’articolo 62, comma 1 bis della legge regionale 3/2015. rientrano negli ambiti prioritari di ricerca attiva degli investimenti verso i quali rivolgere le attività di attrazione, gli investimenti in linea con gli obiettivi di sviluppo sostenibile:
a) afferenti ai rami di attività di imprese di qualsiasi settore relativi alle funzioni aziendali:

  1. servizi alle imprese;
  2. ricerca e sviluppo;
  3. logistica e distribuzione;
  4. manufacturing;
    b) afferenti ai seguenti settori produttivi:
  5. ICT legata alla realizzazione di software, servizi informatici, piattaforme di intermediazione, creazione di contenuti digitali, data centres, telecomunicazioni;
  6. servizi professionali legati all’ingegneria;
  7. metalmeccanica legata a industria 4.0, ingegneria, consulenza tecnologica o per la digitalizzazione, macchinari, impianti e attrezzature industriali;
  8. scienze della vita legate al biofarmaceutico, e alle apparecchiature e dispositivi medicali;
  9. agroalimentare legato all’alimentare innovativo;
  10. logistica;

A chi si rivolge

Sono beneficiarie degli incentivi, ai sensi dell’articolo 7, comma 2, del Regolamento, le imprese manifatturiere e del terziario avanzato esterne alla regione, negli ambiti prioritari di ricerca attiva degli investimenti ai quali rivolgere le attività di attrazione come individuati da Agenzia Lavoro & SviluppoImpresa, che alla data di presentazione della domanda di incentivo hanno sede legale e operativa al di fuori del territorio della regione Friuli Venezia Giulia:
a) le PMI che localizzano l’attività nelle aree di cui all’articolo 1, comma 2, del Regolamento;
b) le grandi imprese che localizzano l’attività nelle aree di cui all’articolo 1, comma 2, del Regolamento, limitatamente alle spese ammissibili di cui agli articoli 12, 13, 14, 15 e 16 del Regolamento;
c) le grandi imprese e le PMI che localizzano l’attività nelle aree di cui all’articolo 1, comma 2, del Regolamento, ricadenti nelle zone assistite di cui all’allegato D del Regolamento, a condizione che apportino un contributo finanziario pari almeno al 25 per cento dei costi ammissibili, o attraverso risorse proprie o mediante finanziamento esterno, in una forma priva di qualsiasi sostegno pubblico.

Spese Ammissibili

Sono ammissibili le spese di cui al Capo II del Regolamento, come riprodotte nell’allegato 2 allo schema di domanda, e relative a:
a. investimenti relativi a costi in attivi materiali, immateriali, costi salariali e costi per la realizzazione di opere edili, realizzati in zone assistite ed in zone non assistite a finalità regionale, come disciplinati, rispettivamente, dagli articoli 10 e 11 del Regolamento;
b. spese in de minimis, secondo l’elencazione di cui all’articolo 12 del Regolamento;
c. investimenti in progetti di tutela ambientale destinati all’attività produttiva esclusivamente per autoconsumo, declinati in:

  • Investimenti in efficienza energetica diversi da quelli relativi agli edifici, come individuati dall’articolo 13 del Regolamento;
  • investimenti in efficienza energetica relativi agli edifici, come individuati dall’articolo 14 del Regolamento;
  • investimenti volti a promuovere la produzione di energia da fonti rinnovabili, di idrogeno rinnovabile e di cogenerazione ad alto rendimento, come individuati dall’articolo 15 del Regolamento;
    d. investimenti in studi e servizi di consulenza in materia di tutela dell’ambiente e di energia, ai sensi dell’articolo 16 del Regolamento.
Friuli Venezia Giulia

Specifiche

Dotazione:
1.000.000,00 €
Scadenza: 
31 luglio 2024
Minimo: 
Massimo:

Vorresti assistenza per applicare?

Puoi richiedere un preventivo cliccando il bottone qui sotto

Inviato!
Grazie mille, ci metteremo in contatto con te il prima possibile
Oops! Something went wrong while submitting the form.

Bando per la concessione di incentivi finalizzati all'attrazione di nuovi insediamenti da parte di imprese manifatturiere e del terziario avanzato esterne alla regione

Regione Friuli Venezia Giulia
Friuli Venezia Giulia

Specifiche

Codice:
ReBa1110
Dotazione:
1.000.000,00 €
Scadenza: 
31 luglio 2024

Quanto finanzia

Richiesta minima

Richiesta massima

Fondo Perduto

%

Questo bando, fa per te? 

Affidati al nostro team di esperti per vincere questo bando! 

Inviato!
Grazie mille, ci metteremo in contatto con te il prima possibile
Oops! Something went wrong while submitting the form.

Descrizione del Bando

Gli incentivi sono rivolti a imprese manifatturiere e del terziario avanzato esterne al territorio della Regione Friuli Venezia Giulia per la realizzazione di nuovi investimenti:
a) negli agglomerati industriali di competenza dei Consorzi di sviluppo economico locale o ricadenti nelle aree dei distretti industriali, nonché nel territorio del Comune di Cividale del Friuli;
b) nelle aree destinate a insediamenti industriali e artigianali, ovvero insediamenti industriali e artigianali misti con insediamenti commerciali, localizzate nei Comuni ricompresi nelle zone omogenee B e C di svantaggio socio-economico dei territori montani individuate dalla Giunta regionale ai sensi degli articoli 21 e 40 della legge regionale 20 dicembre 2002, n. 33 (Istituzione dei Comprensori montani del Friuli Venezia Giulia), rispetto alle quali i Comuni hanno stipulato l'intesa prevista dall'articolo 62, comma 1 bis, della legge regionale 3/2015;
c) nelle aree definite dall’articolo 82 della legge regionale 22 febbraio 2021, n. 3, (Disposizioni per la modernizzazione, la crescita e lo sviluppo sostenibile verso una nuova economia del Friuli Venezia Giulia (SviluppoImpresa)), comprendenti i complessi produttivi degradati;
d) nelle aree destinate a insediamenti industriali e artigianali localizzate nei Comuni sul cui territorio insistono agglomerati industriali di competenza dei Consorzi, rispetto alle quali i Comuni hanno stipulato l’intesa prevista dall’articolo 62, comma 1 bis della legge regionale 3/2015. rientrano negli ambiti prioritari di ricerca attiva degli investimenti verso i quali rivolgere le attività di attrazione, gli investimenti in linea con gli obiettivi di sviluppo sostenibile:
a) afferenti ai rami di attività di imprese di qualsiasi settore relativi alle funzioni aziendali:

  1. servizi alle imprese;
  2. ricerca e sviluppo;
  3. logistica e distribuzione;
  4. manufacturing;
    b) afferenti ai seguenti settori produttivi:
  5. ICT legata alla realizzazione di software, servizi informatici, piattaforme di intermediazione, creazione di contenuti digitali, data centres, telecomunicazioni;
  6. servizi professionali legati all’ingegneria;
  7. metalmeccanica legata a industria 4.0, ingegneria, consulenza tecnologica o per la digitalizzazione, macchinari, impianti e attrezzature industriali;
  8. scienze della vita legate al biofarmaceutico, e alle apparecchiature e dispositivi medicali;
  9. agroalimentare legato all’alimentare innovativo;
  10. logistica;

A chi si rivolge

Sono beneficiarie degli incentivi, ai sensi dell’articolo 7, comma 2, del Regolamento, le imprese manifatturiere e del terziario avanzato esterne alla regione, negli ambiti prioritari di ricerca attiva degli investimenti ai quali rivolgere le attività di attrazione come individuati da Agenzia Lavoro & SviluppoImpresa, che alla data di presentazione della domanda di incentivo hanno sede legale e operativa al di fuori del territorio della regione Friuli Venezia Giulia:
a) le PMI che localizzano l’attività nelle aree di cui all’articolo 1, comma 2, del Regolamento;
b) le grandi imprese che localizzano l’attività nelle aree di cui all’articolo 1, comma 2, del Regolamento, limitatamente alle spese ammissibili di cui agli articoli 12, 13, 14, 15 e 16 del Regolamento;
c) le grandi imprese e le PMI che localizzano l’attività nelle aree di cui all’articolo 1, comma 2, del Regolamento, ricadenti nelle zone assistite di cui all’allegato D del Regolamento, a condizione che apportino un contributo finanziario pari almeno al 25 per cento dei costi ammissibili, o attraverso risorse proprie o mediante finanziamento esterno, in una forma priva di qualsiasi sostegno pubblico.

Spese Ammissibili

Sono ammissibili le spese di cui al Capo II del Regolamento, come riprodotte nell’allegato 2 allo schema di domanda, e relative a:
a. investimenti relativi a costi in attivi materiali, immateriali, costi salariali e costi per la realizzazione di opere edili, realizzati in zone assistite ed in zone non assistite a finalità regionale, come disciplinati, rispettivamente, dagli articoli 10 e 11 del Regolamento;
b. spese in de minimis, secondo l’elencazione di cui all’articolo 12 del Regolamento;
c. investimenti in progetti di tutela ambientale destinati all’attività produttiva esclusivamente per autoconsumo, declinati in:

  • Investimenti in efficienza energetica diversi da quelli relativi agli edifici, come individuati dall’articolo 13 del Regolamento;
  • investimenti in efficienza energetica relativi agli edifici, come individuati dall’articolo 14 del Regolamento;
  • investimenti volti a promuovere la produzione di energia da fonti rinnovabili, di idrogeno rinnovabile e di cogenerazione ad alto rendimento, come individuati dall’articolo 15 del Regolamento;
    d. investimenti in studi e servizi di consulenza in materia di tutela dell’ambiente e di energia, ai sensi dell’articolo 16 del Regolamento.

Dettagli fondo perduto

Friuli Venezia Giulia
Scarica la scheda

ReBa1110

Specifiche

Dotazione:
Disponibile per tutti i piani pro
Scadenza: 
31 luglio 2024

Quanto finanzia

Richiesta minima:
Disponibile per tutti i piani pro
Richiesta massima:
Disponibile per tutti i piani pro

Questo bando, fa per te? 

Affidati al nostro team di esperti per vincere questo bando! 

Inviato!
Grazie mille, ci metteremo in contatto con te il prima possibile
Oops! Something went wrong while submitting the form.

Descrizione del Bando

Finanziamento per attrizione investimenti da fuori regione.

A chi si rivolge

Se hai utilizzato i filtri sai che questo bando fa per te. La descrizione dettagliata è disponibile per tutti i piani pro. Scopri di più qui

Spese Ammissibili

Le spese ammissibili sono disponibili in tutti i piani pro, scopri di più qui

Friuli Venezia Giulia
Scarica la scheda